Lo Sport

 

Il Fitness interessa ormai migliaia di persone; è naturale che si moltiplichino le attività per migliorare il proprio fisico. Bisogna distinguere i vari livelli di attività sportiva e l'importanza che può avere l'assunzione di integratori volti a migliorare le prestazioni. Servono almeno 5-6 ore di esercizio settimanale per poter considerare un'attività allenante. È ovvio che, per chi non pratica un'attività sportiva impegnativa risulta inutile se non, in alcuni casi controproducente, l'assunzione di integratori sportivi; è infatti soltanto un miraggio che con una leggera attività fisica e l'assunzione di queste sostanze il nostro corpo possa diventare più bello o sia in grado di migliorare le sue prestazioni.

Cosa sono questi integratori sportivi?

Qui accediamo ad una vasta gamma di preparati che si possono trovare in farmacia o peggio ancora all'interno di palestre o di cosiddetti negozi specializzati nel fitness. Bisogna fare attenzione a quello che ci viene proposto e soprattutto essere sicuri della composizione quali-quantitativa di questi prodotti.

Gli integratori sono preparati contenenti sostanze fisiologicamente presenti nel nostro organismo e quotidianamente assunte con la dieta; il loro utilizzo ha quindi un senso soltanto nel caso in cui per qualche motivo ci sia una carenza nell'assunzione di queste sostanze oppure un uso particolarmente elevato.

sport farmacia russo

I preparati che si possono trovare sono di vari tipi e ognuno viene usato in situazioni diverse:

Multivitaminici, integratori di sali minerali, integratori di aminoacidi, integratori di proteine, creatina, carnitina, integratori energetici, bicarbonato.

 

Gli integratori multivitaminici

Gli Integratori multivitaminici sono interessanti soprattutto nel caso di vitamine e microelementi ad attività antiossidante (vit. C, E, coenzima Q10). Queste sostanze vanno a contrastare
l'attività dei radicali liberi prodotti dal nostro organismo durante i processi metabolici che danneggiano le membrane cellulari. La loro produzione aumenta durante uno sforzo fisico intenso. Sono utili oltre i 30 anni; per i giovani a meno che non ci sia una particolare carenza, non ha senso il loro utilizzo. Altre vitamine essenziali sono quelle del gruppo B,
in particolare la B6, B12, e l'acido folico che possono mancare all'atleta nel periodo di potenziamento.

Gli integratori salini

Gli integratori salini sono a base di sali di potassio e magnesio. Servono per reintegrare i sali minerali persi con il sudore. Ovviamente è molto importante reintegrare soprattutto l'acqua persa. Quindi in realtà, spesso basta bere molta acqua.

Gli integratori di aminoacidi

Gli integratori di aminoacidi sono a base di 3 aminoacidi ramificati: Leucina, Isoleucina, Valina. Il loro impiego è valido solo se il loro rapporto è di 2:1:1. La quantità giornaliera è di 6 g al giorno, solo in atleti che fanno sforzi molto intensi la dose necessaria può aumentare fino a 10 g. La loro somministrazione si è dimostrata efficace se frazionata durante l'arco della giornata, sempre circa 60 min prima dello sforzo fisico. Il loro utilizzo è legato a varie motivazioni: per la loro capacità di contrastare il passaggio di triptofano nel cervello, per la loro attività "tampone" nei confronti dell'acidosi metabolica e perché sono importanti nella sintesi proteica. Il triptofano viene trasformato nel cervello in serotonina, neurotrasmettitore implicato nel meccanismo dell'affaticamento.. La somministrazione di aminoacidi prima di un impegno fisico molto intenso e prolungato può risultare utile nell'ostacolare l'affaticamento e nel ricostituire la massa muscolare. Questo vale ad esempio in sport come la corsa quando si superano i 20 Km. Se lo sforzo è minore la loro assunzione non ha senso e può risultare dannosa provocando un sovraccarico renale con conseguenti disturbi anche importanti.


Gli Integratori energetici

Gli integratori energetici più importanti sono i carboidrati soprattutto per gli sforzi di lunga durata. Fino ad 1 ora prima dello sforzo si possono assumere zuccheri a basso indice glicemico come il fruttosio che si trova in grande quantità nella frutta. Durante la prestazione invece si possono usare zuccheri con indice glicemico più alto come le maltodestrine che vengono assorbite rapidamente e forniscono energia di pronto uso ed inoltre migliorano l'assorbimento dell'acqua.

Le Proteine

Le proteine sono essenziali perchè vanno a costituire i muscoli. L'apporto proteico ottenuto con la dieta è sufficiente a soddisfare anche le esigenze di un atleta. Solo nel caso in cui ci sia un allenamento prettamente mirato al potenziamento muscolare, si possono assumere degli integratori proteici, sempre dopo l'allenamento, vanno assunte in associazione a vit B che serve per il loro utilizzo fisiologico. Anche in questo caso l'assunzione deve essere sempre controllata perché possono provocare danni renali.


La creatina

La creatina è una fonte di energia di pronto utilizzo per il muscolo. Il fabbisogno giornaliero è di 2 g e si ottiene per sintesi fisiologica e dalla dieta. Da molti studi fatti si è visto che la dose di creatina contenuta nei normali integratori non dovrebbe comportare nessun danno, però è evidente che molto spesso viene abusata, questo potrebbe comportare danni anche gravi. La sua reale efficacia nell'incremento della potenza muscolare non è stata dimostrata, risulta del tutto inutile nell'ambito dell'attività aerobica; un certo miglioramento può essere ipotizzabile in ambito anaerobico per esercizi di potenza della durata di pochi secondi. Comunque è sconsigliato assumerla subito prima o durante uno sforzo fisico.

La carnitina

La carnitina è importante nel metabolismo degli acidi grassi. La assumiamo giornalmente con la carne ed il pesce ed in parte viene sintetizzata dal nostro organismo. Negli sport di forza e velocità, si ottiene un miglior recupero ed una ridotta formazione di acido lattico, traducendosi in una migliore e protratta performance atletica (si riducono i sintomi da affaticamento); negli sport di resistenza, consente un migliore utilizzo dei grassi, una migliore funzionalità del cuore e un costante rifornimento di energia. E' stato osservato che la capacità del muscolo di ossidare gli acidi grassi è direttamente proporzionale ai suoi livelli intracellulari di carnitina. In un atleta che segue un allenamento intenso e regolare può essere utile l'assunzione per un periodo non superiore ad 1 mese.

Il bicarbonato

Il bicarbonato di sodio si usa per contrastare l'acidosi metabolica in modo
particolare nelle situazioni in cui si ha una notevole produzione di acido lattico, tipo la corsa.
 
 

Joomla- Helix Framework Implemented by Gaiaideaweb!